Grammatica

NOZIONI DI GRAMMATICA CUSANESE

Dal punto di vista linguistico Cusano Mutri è particolare. Il suo dialetto si differenzia da quelli dei paesi immediatamente vicini a causa della configurazione geografica che limitava, fino a non molto tempo fa, i rapporti e gli scambi, pertanto ha conservato il dialetto dei nostri avi.
A Cusano Mutri si parlano due diversi dialetti: il cusanese e il civitellese.
Il dialetto cusanese presenta delle differenze a seconda della località in cui si parla: da contrada a contrada possono essere rilevate varianti nella pronuncia o nella scelta del vocabolo da usare.
Il dialetto civitellese è diverso, esso, infatti, somiglia di più a quello dei paesi limitrofi e più specificatamente a quello cerretese.
Essendo scarsissima la documentazione scritta sul dialetto, si è provato a fare un approfondimento da cui poter partire per futuri studi.
Le voci trascritte sono state riprodotte come ascoltate dalla parlata popolare. Si riportano di seguito alcune regole per pronunziare abbastanza correttamente i vari vocaboli. Per facilitarne la pronunzia, i vocaboli sono trascritti con gli accenti acuti e gravi. Sono riportate anche le principali forme temporali dei verbi.
Le regole ricavate sono valide per entrambi i dialetti, se non vi è specifica nota.

ASPETTI PARTICOLARI DELL’ALFABETO NEL DIALETTO CUSANESE
LE VOCALI

I suoni vocalici alla base del nostro dialetto sono nove: i è è ë à ä u ò ( le vocali chiuse con l’accento acuto e le vocali aperte con l’accento grave).
Le vocali in fine parola tendono a scomparire o si manifestano come deboli aspirazioni.
La “æ” è da leggersi come “ae” con il suono della “a” velata rispetto alla “e” che è molto aperta
La “ë” o la “ä” (con la dieresi), vengono utilizzate quando il suono è semi-muto o muto:
Wóttä = Botte; Mòla = Mͻlä

La vocale “A”, nel dialetto cusanese e civitellese, all’interno della parola, spesso diventa “WA” se la parola stessa è preceduta dall’ articolo:
Il Pallone = I Pwallónë; Il calzone = I kwauzónë;
Il cavallo = I kwavaglië; Il secchio= I kwætë

Senza articolo, a CUSANO, la pronuncia, infatti, è la seguente:
Pallónë, kauzónë, kavaglië, kætë.

La vocale “O”, all’interno di parola, spesso si trasforma in “U”:
Polso = Pùzë; Mondo = Mùnnë;
Dolore = Dùlorë; Domenica = Dumménëkë

Il prolungamento del suono della“I” si indica posticipando la j:
“Palìjatë” = Percosse ripetute; “Sckrijanzatë” = Screanzato

Il dittongo “IE” spesso diventa “E”:
Vieni = Vénë; Piede = Pètë; Fieno = Fénë
Fiera = Férijä; Miele = Mèlë

Nelle parole che iniziano con una vocale, eccetto la “U”, seguite dalle consonanti “M” e “N”, l’iniziale cade:
Imbuto = ‘Mutë; Ombelico = ‘Muglicuglië;
Americano = ‘Mmërëcanë; Emilia = ‘Milija

Il dittongo “UO” si trasforma in “Ò” o in “Ó”:
Fuoco = Fókë; Buono = Bbónë; Ruota = Ròtä; Nuovo = Nóvë

LE CONSONANTI
Le consonanti non hanno le caratteristiche proprie del suono, esse accompagnano il suono delle vocali.
B : La lettera labiale “B”, seguita dalla vocale “o” si trasforma quasi sempre in “W”:
Bosco = Wòsck; botte=Wóttä; Bora = Wòrijä;

A CIVITELLA, invece, si trasforma quasi sempre in “Wu”:
bosco= wuòsck; botte=wuóttë; bora = wuória,

La labiale “B”, iniziale di parola, seguita dalle vocali “A”, “E”, “I” si trasforma quasi sempre in “V”:
Bacio = Vasë; Beato = Vijatë; Biscotto = Viscótt.

A CIVITELLA la labiale “B”, seguita dalle vocali “A”, “E” si trasforma quasi sempre in “WU”:
Bacio = Wuasë; Beato = Wuiatë; Biscotto = Wuiscótt
Spesso la sillaba “BI” si trasforma in “BUI”, (a Cusano solo se preceduta dall’articolo, a Civitella sempre):
Il binocolo = I buinòchëlë; Il bisogno = I buisògnë; Il bivio = I buivijë.

C : seguita dalle vocali “I” e ”E” ha un suono dolce, quando è seguita dalla consonante “h” ha un suono duro più continuo.

Spesso il fonema “CH”, in principio di numerose parole sta al posto della “P”:

Piano = chianë; piange = chiagnë; piove = chiòvë pioppo = chiuppë.

Il gruppo “CAM” o “CAN” spesso prende la “W” tra la “C” e la “A”:
Campo = Kwampë; Canestro = kwanisctrë Secchio = kwætë;
A CIVITELLA il gruppo “CAM” o “CAN” spesso è sostituito da “QU:
Campo = Quampë, Canestro = Quanisctrë, Catino = Quatë.

In principio di parola la “C” è raddoppiata in queste parole:
Qua = ccà Più = Cchiù

D: all’interno di parola, spesso si trasforma in “T”:
Piede = Puètë; Siediti = Assèttëtë.

G: seguita da “A”, “O” o “U” spesso si trasforma in “Wu”:
Gatto = Wuatt; Gallo = Wuaglië; Guerra = Wuèrr;
Guanto = Wuant; Gozzo = “Wuózz

La “G” seguita da “E” e “I”, spesso si trasforma in “J”:
Ginestra = “Jinéstrë”; Gelata = Jilatä;
La consonante “G” forma la :
-“GL”: aglië = aglio; raglië = raglio; cavaglië = cavallo; waglië = gallo;
Alcune volte è molto difficile trascrivere il suono “GL” perché spesso è poco accentuato: pi(g)lië = Pelo.
-“GN”: pégnë = pegno; bagnë = Bagno; règnë = covoni di grano;
-“GH”: ringhierë=ringhiera;
In parole che iniziano per “GR” si mantiene solo la “R”:
Grasso = ‘Rass; Grosso = ‘Róss; Griglia = Ratiglië;
Granturco = Randìnjië; Grappolo = Rappëglië.

H: forma i fonemi duri “gh” e “ch” che, spesso, nel dialetto mutano in “J”.
J: ha due funzioni:
- di vocale quando è seguita dalle vocali “a u e o” :
janàrë=strega; jummèll=contenuto di due mani unite a forma di coppa
- di consonante:
-quando è seguita dalla “I” o da una vocale con l’accento grave:
jènca=vitella; jèll=Jella;

-quando è in sostituzione della “G” :
jucà=giocare; majésë=maggese.
All’interno della parola la “J” si trova quasi sempre tra due vocali:
dijunë=digiuno.

L: Spesso la doppia “L”, in fine di parola maschile, diventa “GL”:
Collo = Cóglië; Gingillo = Gingiglië
La sillaba “LU” si trasforma spesso in “Gliu”:
Luna = Gliuna; Lucia = Gliucìa; Lupo = Gliupë; Assoluto = Assigliutë; Lunedì = Gliunnëdì

M: in principio di parola ha numerosi raddoppiamenti (a causa dell’assorbimento della preposizione in):
in mano= mmanë; in mezzo= mmézë; in bocca= mmocchë.
Le sillabe “MA” e “ME”, precedute dall’articolo, si trasformano in “MUA” e “MUE”:
Mare = Muarë; Mese = Muésë; Marito = Muaritë
A CIVITELLA la regola non si applica.
La sillaba “MO” diventa “MU”:
Montagna = Muntagnä; Moglie = Muglièrä; Molletta = Mullètt.
Le consonanti “MB” situate in fine di parola si trasformano in “MM”:
Colomba = Pagliumm; Piombo =Chiumm.
N: caratteristica della consonante “N” è quella di preferire, in molte parole , le consonanti “D” e “G” invece delle consonanti “T” e “C”, ottenendo così suoni più dolci di “nd” “ng”:
Antonio = ‘Ndònijë; Inciarmamenti = ‘ngiarmë; Sopra = ‘ngòpp.
Spesso sostituisce la preposizione “IN”:
in cielo= ‘ncélë; in corpo= ‘ngorp; in coscienza= ‘nguscenzijä.
Le consonanti “ND” situate in fine di parola si trasformano in “NN”:
Mondo = Munn; Tondo = Tunn; Fondo = Funn; Andando = Jènn.

P: La sillaba “PI” seguita da vocale, spesso diventa “CHI”:
Coppia = Cócchijä; Piena = Chiénä; Pioppo = Chiupp; Piano= Chianë;

Q: la consonante prende il suono dalla vocale “U” che l’accompagna; nel nostro dialetto per raddoppiarla non si usa la “C” ma la “Q” di soqquadro.
Ombrello = Paraqquë
R: la consonante ha raddoppi solo all’interno della parola
S: la consonante “S” ha due suoni :
• uno sordo : disegno = diségn
• uno dolce: esempio = ésèmpjë;
In “SCI” e “SCE” ha un suono dolce:
scéll = Ala; scign=Scimmia;
In “SCA”, “SCO” e “SCU” ha un suono duro :
scuppètt = Fucile; scumë = Schiuma; scòlë = Scuola
T: La consonante “T” spesso si addolcisce in “D”(nd): ‘Ndònijë ; non raddoppia all’inizio di parola.
V: Spesso la consonante “V” si trasforma in “W” nei nomi maschili:
Vento = Wént; Vizio = Wizjië; Velo = Wélë; Vecchio = Wécchijë
Nei nomi femminili singolari e nei plurali, sia femminili che maschili, resta invariata:
Vecchia = Vècchija; Valle = Vall; Vigna = Vignë; Valigia = Valìcë; Vizi = Vizjië.
A CIVITELLA, invece, la consonante “V” si trasforma in “W” sia nei nomi maschili che femminili:
Vento = Wént; Vizio = Wuizjië; Velo = Wélë;
Vecchio = Wecchijë; Vecchia = Wècchijä; Vigna = Wignä.

Alcune parole dialettali che iniziano con la “V” derivano da termini italiani che hanno la “B” iniziale:
varrilë= barile; vròdë= broda; vammacë=bambagia;
vacilë= bacile; vësaccië= bisaccia; vëlancië= bilancia.

Z: la consonante “Z”
• ha un suono duro: zòcchëglië = Zoccolo; zucchërë = Zucchero
e
• un suono dolce, sibilante: zzirë = Orcio; razzijä = grazia.
Poche volte si notano i raddoppiamenti all’inizio di parole e con il suono dolce: zzirë = Orcio; Zzichinètt = Venticello.

L’ARTICOLO
In dialetto cusanese l’articolo ha tre forme:
• determinativo,
• indeterminativo,
• partitivo.
ARTICOLO DETERMINATIVO
L’articolo “IL”, generalmente, diventa “I”.
Il libro = I glibrë; Il gatto = I watt; Il topo = I sócë; Il lume= I gliumë;
Al plurale, l’articolo maschile “I” rimane invariato, ma spesso le variazioni si notano all’interno del nome :
Il gatto = I watt; I gatti= I jatt. Il topo = I sócë; I topi= I sucë
Davanti ai nomi neutri, di genere maschile, (prodotti alimentari, colori, nomi astratti) “IL” diventa “U”.
Il vino = U vinë; Il pane = U panë; Il pepe = U pepë; Il formaggio = U kuæsë; Il sale = U salë
A CIVITELLA l’articolo “IL” diventa “Lë” davanti ai nomi neutri,
Il vino = Lë winë; Il pane= le panë
mentre, davanti ad alcuni nomi di genere maschile, “IL” diventa “I”:
Il sole= i sólë; Il figlio= I figljë,
altri nomi di genere maschile, al plurale diventano di genere femminile:
Il letto= I létt; I letti= lë lèttëlä; Il chiodo= I kióvë; I chiodi= lë kiòvëlä
L’articolo “LO” davanti ad “S impura” e alla “Z” diventa “I”:
Lo zoccolo = i zókkëglië; Lo struffolo = i sctruppëglië,
davanti alle vocali, invece, può diventare “GL” e a volte “I” o “U”:
L’attrezzo = gl’attrézz; L’elmo = gl’élmètt ; L’imbuto = i mutë;
L’imbroglione = i ‘mbrugliónë L’unguento = u ‘nguént; L’inchiostro = u ‘gnòsctr
Le parole che iniziano per “i”, e qualche volta con la “u”, seguite generalmente dalla “M” o dalla “N”, perdono la vocale iniziale che diventa articolo:
L’incenso = u ‘ncenzë; L’ubriaco = i ‘mbrijakë
L’ articolo “LA” diventa “A” davanti alle consonanti e davanti ad alcune parole che iniziano per vocali:
La casa=A cæsë; L’America = A mèrëkë; L’ambulanza= A ‘mbulanz,
L’ ortica = A urdikë ; L’ ubriaca = A ‘mbrijakä;

davanti alle vocali generalmente si trasforma in “L’”:
L’erba = L’èrëvë”; L’ oliva = L’ aulivë

L’ articolo “LE” diventa “O”.
Le patate= ó patænë; Le castagne= ó castagn; Le noci= ó nucë
A CIVITELLA l’articolo “LE” diventa “Lë”,
Le patate= lë patànë; Le castagne: lë castàgn; Le noci= lë nucë
alcuni sostantivi hanno doppio plurale: particolare è quello delle parole terminanti in “LA”:
Le braccia= Lë vraccë oppure lë vraccëlä; Le mura= lë murë oppure Lë murëlä;
Le case= lë kasë oppure lë kasëlä; Le dita= lë détë oppure lë detëlä;

(caratteristica che si trova anche nei dialetti del casertano: non dimentichiamo che i nostri nonni nel secolo scorso andavano a lavorare a Gioia Sannitica, Piedimonte Matese, Alife).

ARTICOLI INDETERMINATIVI
Gli articoli indeterminativi maschili “UN” e “UNO” diventano “NU” e il femminile “UNA” diventa “NA”:
Una penna = na pénn; Un cavallo = nu kwavaglië; Uno zoccolo = nu zókkëglië
ARTICOLO PARTITIVO (QUANTITA’ INDEFINITA)

L’articolo partitivo formato da aggettivi o locuzioni indica una parte di qualcosa (numero o misura) non definibile:
Qualche giorno = kakkjórn; Poche noci=tréjaquatt nucë;
le locuzioni più usate in funzione di articolo partitivo:
ddujatré (maschile), ddójatré (femminile); tréjaquatt, cinkasèjë, sèttaòtt,
nëbbèlldójë, nubbégliëpòchë oppure nubbégliëpóchë,
nu zichë, nu puzz, a glivann, a kapëtómml, na pizzicatë, na palómm, nu muntónë.

IL NOME
Il nome, nel nostro dialetto, come in italiano, ha il genere e il numero.
Il GENERE, per i nomi di persona e di animale, fa riferimento al sesso:
Il suocero= i sókr; La suocera= a dònn; Il maiale= i pórk; La scrofa= a purcèll

sono NEUTRI:
- i nomi dei materiali:
Il ferro = u férr; Il piombo = u chiumm; L’acciaio = l’acciarë
- i nomi dei generi alimentari o bevande, considerati sempre come insieme:
Il caffè= u cafè; Il grano= u ranë
- i nomi dei colori, se considerati come insieme:
Il verde = u vèrd; Il rosso = u russ
- gli infiniti che diventano sostantivi:
Il pensare = u pënzà Il dormire = u durmì
- i nomi astratti, se considerati come valori:
Il male = u malë; Il bene = u bbènë;
- una lingua o un dialetto:
Il cusanese = u cusanærë; Il francese = u francésë.
I nomi neutri sono singolari.

I nomi della frutta
- a volte sono maschili: i muiglië = la mela; i puirë = la pera;
- altre volte femminili: a cërasë = la ciliegia; a crisòmmlë = l’albicocca.
Per indicare gli alberi:
- spesso, si antepone “a chiant ó”:
Il castagno = a chiant ó castagnë; Il fico = a chiant ó fikë,
oppure
- il nome dell’albero corrisponde a quello del frutto:
Il fico nero = i cugliummëglië; Il pesco = i puèrzëkë.
L’unica eccezione è rappresentata dal ciliegio: L’albero è di genere maschile: “I cirasë” e il frutto è di genere femminile: “A cërasë”.

Il NUMERO
Spesso nel plurale il numero è indicato con un cambio di accento o di qualche vocale all’interno della parola:
Il topo = I sócë I topi = i sucë; Il pantalone = i cuawzónë I pantaloni = i cawzunë
In alcuni casi dal singolare al plurale, il nome cambia anche di genere:
Il dito = I ditë → Le dita = ó détë
La mela = i muiglië → = Le mele = ó mélë
La pera = I puirë →= le pere = ó pérë

Alcuni nomi difettano del plurale:
Il sale = u salë; Il pepe = u pépë; Il miele = u mèlë.
altri difettano del singolare:
Le bastonate = ó palatë; Gli interessi sul capitale = ó tèrz

PREPOSIZIONI
Le preposizioni semplici sono: o- d’(di), a (a); a-d’ (da); ‘n-ndà(in); cu(con); pe’(per ); (tra), (fra)

• “DI” diventa “O”: Il mazzo di fiori = I mwazzë ó ciurë
A CIVITELLA “DI” diventa “Dë” – “Il mazzo di fiori” = “I mazzë dë sciurë
• “DA” A CUSANO generalmente si omette:
Da domani inizio la dieta = Dimanë abbijë a diétä;

Nei casi in cui resta, può anche diventare “A”:
Vengo da Cusano = Vènghë ‘a Cusænë
oppure
Vengo da Civitella- Vènghë d’_à Ciuwtélla.

A CIVITELLA “DA” resta invariato, oppure diventa “A”:
“Vengo da Cusano” = “Vènghë da Cusænë”;
“Da domani inizio la dieta” = “Da dumanë abbijë a diétä”

• “IN” generalmente si traduce con “ ’NTA”, “ ‘NTI”, “ ‘N”:
In casa = ‘Nta casä; Nel mare = ‘Ntì muarë; In testa = ‘Ncap
• “CON” diventa “CU”: Vengo con te = Vènghë cu tté

• “SU” generalmente si traduce “NCÒPP”: sull’albero = ncòpp a piantä

• “PER” generalmente si traduce con “Pë”: E’ peggio per te = E’ peggë pë tté

• “TRA” e “FRA” spesso restano invariate:

Tra ieri e l’altro ieri = Tra ajjérë e aggliautrérë;

• viene tradotto come ‘MMÉZË quando indica un posto:
‘Mméz ò cèrquë = In un querceto
’Mméz i dént = Tra i denti

LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE
Generalmente “ALLA” diventa “A”, “ALLE” diventa “Ó”.
Devo dire una cosa “alla maestra” – “A majéstrë” ;
Devo dire una cosa “alle maestre”- “Ó majéstrë”

A CIVITELLA “ALLA” diventa “A”, “ALLE” diventa “A_ lë”
Devo dire una cosa “alla maestra” – “A maéstrë”
Devo dire una cosa “alle maestre”- “a_lë maestrë”

Generalmente “AL” e “ALLO” diventano “I”:
Sono andato “al campo” – “I kwamp”

A CIVITELLA “AL” e “ALLO” diventano “A i”
Sono andato “al campo” – “A i kwamp”

Generalmente, “DAL”, “DALLO”, “DEL” e “DELLO” si traducono “D’I”, eccetto nel caso di moto per luogo.
Il biglietto del treno = I bwigliètt d’i trènë,
Vengo dall’ospedale = Vènghë d’i ‘spwitalë,
Sono andato dal dottore = Aggiä_jutë cu i muédëkë

Generalmente, “DALLA” e “DELLA” si traducono “D’A” nel caso in cui si tratta di moto da luogo.
Vengo dalla casa di Rosa = Vènghë d’a casä ó Ròsä

A CIVITELLA “DALLA” e “DELLA” si traducono “DA” nel caso in cui si tratta di moto da luogo.
“Vengo dalla casa di Rosa” – “Vènghë da casä dë Ròsä”

Generalmente, “NEL” e “NELLO” si traducono con “‘Ntì”. “NELLA” si traduce “‘Ntà”. “NELLE” si traduce “’Ntó”, “NEGLI” si traduce “Ntà”
Nel pozzo = ’Ntì puzz, Nell’ospedale = ’Ntì ‘spwitalë; Nella casa = ‘Ntà casä,
Nelle Case = ’Ntò casë, Negli occhi = ‘Ntà gl’ókkjë

A CIVITELLA “NEL” e “NELLO” si traducono con “‘NDÌ”. “NELLA” si traduce “‘NDÁ”. “NELLE” si traduce “’NDÁ LË”, “NEGLI” si traduce “NDÁ”
“Nel pozzo” – “’Ndì puzz”, “’Ndì ‘spitalë” – “In ospedale”, “Nella casa” –“Ndà casä”,
“Nelle Case” – “’Ntà lë casë”, “Negli occhi” – “Ndà gl’ókkijë

Generalmente, “CON LA” si traduce “CU A”, “CON IL” e “CON LO” si traducono “CU I”, “CON LE” si traduce “CU Ò”, “CON GLI” si traduce “CU I” davanti a parola che inizia con consonante e “CU GL’” davanti ai nomi inizianti per vocale.
Con la pizza = Cu a pizzä; Con il cane = Cu i cuanë; Con lo zoccolo = Cu i zókkëglijë,
Con le scarpe rotte = Cu_ó scarp rótt; Con gli orecchini= Cu i wurchinë; Con gli uccelli = Cu gl’aucéglië.

Generalmente, “SUL”, “SUI”, “SULLO”, “SULLA”, “SULLE”, “SUGLI” si traducono con “NCOPP” seguito dall’ARTICOLO adatto al nome seguente”.
Sul tavolo = ‘ncòpp a buffètt

AGGETTIVO

L’aggettivo, nel dialetto cusanese, va messo dopo il nome:
Il nuovo anno = gl’ann nówë La vecchia scarpa = A sckarpa vècchia

Precedono, invece, il nome:
bbégliu, bbónë, malë, mèglië, pèggë, pòvërë, San oppure Santu, utëmë
bbégliu wagliónë; bbónë maritë; pèggë còsë; Santu Nicólä

e gli aggettivi dimostrativi, indefiniti e numerali:
Questa pietra = Sta prètë, Qualche cosa = cakk còsa, Cinque case = cink casë

Come per l’italiano, in dialetto cusanese ci sono aggettivi:
QUALIFICATIVI e DETERMINATIVI.

L’aggettivo qualificativo ha tre gradi:
• POSITIVO: esprime una qualità senza paragoni: jautë, brutt, bbéglië
• COMPARATIVO:
-di MAGGIORANZA che si costruisce con “cchiù…ó”:
Antonio è più bello di Giovanni = ‘Ndònijë è cchiù bbéglië ó Giuwann

Se il paragone avviene tra due qualità si costruisce con “cchiù..cà”:
Antonio è più bello che bravo = ‘Ndònijë è cchiù bbéglië cà bravë

-di UGUAGLIANZA si ottiene collocando dopo l’aggettivo positivo “cumë a ”:
Antonio è bello come Giovanni = ‘Ndònijë è bbéglië cumë a Giuwann.

-di MINORANZA non si usa nel dialetto cusanese. Per ottenerlo bisogna capovolgere la frase, sostituendo all’aggettivo del comparativo di maggioranza il corrispondente significato contrario (beglië-brutt):
Antonio è meno bello di Giovanni= Giuwann è cchiù bbéglië ó ‘Ndònijë.

• SUPERLATIVO

-ASSOLUTO si ottiene:
-ripetendo due volte il positivo:
Bellissimo = bbéglië bbéglië
- aggiungendo o premettendo al positivo gli avverbi “assaijë, tròpp:
Bellissimo = tròpp bbéglië = bbéglië assaijë
-aggiungendo al positivo un altro aggettivo o un nome capace di dargli più forza:
Ricchissimo = rikksfunnatë; Stanchissimo = stankmórt;
Molto ubriaco = ‘mbrijachë fracidë

-RELATIVO:
- MAGGIORANZA: si forma mettendo prima l’articolo e poi l’aggettivo al comparativo

Antonio è il più bello di Cusano = ‘Ndònijë è i cchiù bbéglijë ó Cusanë

Quando l’aggettivo è preceduto dal nome, l’articolo va posto prima del nome:
Il più bel giovane sei tu = i wuagliónë cchiù bbéglijë si ttù

-MINORANZA: il superlativo di minoranza non ha una forma propria. Per ottenerlo bisogna capovolgere la frase, sostituendo all’aggettivo positivo il corrispondente significato contrario (beglië-brutt):
Antonio è il meno bello = ‘Ndònijë è i cchiù brutt.

Gli aggettivi DETERMINATIVI sono:

-DIMOSTRATIVI:

Singolare Plurale
Maschile Femminile Maschile Femminile
QUESTO =
Chistu oppure “STU”
“Questo libro” – “‘Stu librë” QUESTA =
Chésta oppure “STA”
“Questa borsa” – “‘Sta bórza” QUESTI=
Chisti oppure “STi”
“Questi cani” – “‘Sti canë” QUESTE=
Chéste oppure “STë”
“Queste borse” – “‘Stë bórz”
Codesto
Chiss oppure Ssu
Codesto cane – Ssù cuanë Codesta
Chéss oppure SSà
Codesta pénna – ssà pénn Codesti
Chissi oppure SSì
Codesti cani – Ssì canë
Codeste
Chéss oppure SSë
Codeste penne – Ssë pénn

“QUEL” – “QUELLO”.
avanti a:
vocale= “Kigl’”,
consonante =“Kigliu”
“Quell’òcchio” – “Kigl’ókkjë”,
“Quello zio” – “Kigliu zijë”

QUELLA= Kélla
Quella casa = Kélla casä “QUELLI” “QUEI” = “KIGLI” o “KIGL’”.
“Quei cani” – “Kigli canë” QUELLE= Kèll
Quelle case = Kéll casë
Gli aggettivi dimostrativi che indicano cose vicino a chi parla o cose vicino a chi ascolta hanno anche una forma abbreviata molto usata.

- POSSESSIVI:

Persona singolare plurale
maschile femminile maschile femminile
1º sing.
2º sing.
3º sing.
1º plur.
2º plur.
3º plur. mévë
tówë
sówë
nósctrë
wósctrë
mija
tówa
sówa
nòsctra
wòsctra
méjë
tójë
sójë
nósctrë
wósctrë
mèjë
tòjë
sòjë
nòsctrë
wòsctre

La mia fotografia = a futugrafijä mijä, Il tuo giaccone = I cwappòtt tówë, Il suo cane = i cuanë sówë

L’aggettivo possessivo “LORO” non è usato, al suo posto si ricorre al “SUOI”.

Vicino i nomi che indicano parentela, gli aggettivi possessivi di prima e seconda persona, diventano enclitici (si appoggiano per l'accento alla parola precedente):

“Mia madre” – “Mammëmë”o “matrëmë”; “Tua madre” – “Mammëtë”; “Tuo padre”- patëtë;
“Tua zia”- zitä; “Tuo zio” – ziwtë; Tua sorella”- sòrdëtë; “Mio marito” -maritëmë.

-INDEFINITI:

Maschile singolare Maschile plurale Femminile singolare Femminile plurale
Molto=Assaijë
troppo=tròppë
tanto=Tantu
(Civitella “Tantë)
-

poco =PóKë
tutto=tuttë *
altro **
Qualcuno= Cakkëdunë
-
Nessuno :Niciunë o Nisciunë
Ovunque: Adduijèijè molti=Assaijë
troppi=tròppë
tanti=Tanta

parecchi=Paricchijë o “nu sakkë” o “Na quantënë”
pochi=PóKë
tutti=tuttë *
altri = Ati
-
-
-
- molta=Assaijë
troppa=tròppä
tanta=tanta

-

poca= poka
tutta = tuttë *
altra =**
Qualcuna= Cakkëdunä
Qualcosa=Cakkëcòsä
Nessuna= Niciunä o Nisciunä
- molte=Assaijë
troppe=tròppë
tante=Tanta

parecchie=Parécchijë o “nu sakkë” o “Na quantënë”

poche=pòkë
tutte =tuttë*
altre = Ate
 
*
*TUTTO” si traduce con “TUTT” e precede sempre l’articolo.
“Tutte le forchette” – “Tutt ó furkètt”
** “UN ALTRO” “UN’ALTRA” si traducono con “N’ATU” “N’ATÄ”, nel caso di maschile iniziante per vocale si traduce con “N’AT’”

Un altro bicchiere = n’atu bicchiérë; Un’altra cosa= N’ata còsä; Un altro anno = n’at’ann

-NUMERALI

Cifre arabe Numeri Cardinali Cifre romane Numeri ordinali
1 Uno = Unë (nu al maschile e nà al femminile, quando accompagna un nome) I Primo = Primë
2 Due = ddujë, ddójë II Secondo = Sicondë
3 Tre = tré, quando accompagna il nome):
il nome che segue, raddoppia l’iniziale, es. “TRE CASE” – “TRE CCASË”;
Tréjë si usa quando diventa sostantivo. III Terzo = Tèrz
4 Quattro = Quatt IV Quarto = Quart
5 Cinque = Cink V Quinto = Quint
10 Dieci = Diecë X Decimo = Décimë
20 Venti = Vint XX Ventesimo = Vintèsimë
50 Cinquanta = Cinquantä L Cinquantesimo = Cinquantèsimë
100 Cento = Cént C Centesimo = Cëntèsimë

PRONOMI

-PERSONALI: si distinguono in soggetto:
Jì (Yè)tu iss o jéssä nujë wujë jiss o jéss
e complemento: më, të, cë, së, vë, nujë, vujë, iss

- POSSESSIVI: nel dialetto cusanese sono preceduti dall’articolo, da una preposizione articolata o da un dimostrativo:
sta casë è a tója; chéll’atë è a sójë; a mijë sta luntanë

- NUMERALI

“UNO” si trasforma in “N’atë”.
“Un quaderno sta qua e uno sta là” – “’Nu quadèrnë sta kà e n’atë sta llà”

“TRE” si trasforma in “TREIJË”.
“Una casa la tengo qua e tre là” – “’Na casë a tènghë kà e tréijë stann llà”

-DIMOSTRATIVI

Singolare Plurale
Maschile Femminile Maschile Femminile
Questo= Kisct
Quel fiore è bello, questo no!
Kigliu ciórë è béglië, kisct nò!
Questa=Késcta
Quella casa è grande, questa no – Kéllä casä è gròssä, késctä nò Questi=Kisct Queste=Késct
Codesto = Kiss
Questo tappo è verde, codesto no
“Kistu tapp è verd, kiss nò” Codesta=Késsa Codesti=Kissi Codeste=Kèss
Quello= Kiglië Quella=Kélla Quelli=Kiglië Quelle=Kéll

I pronomi dimostrativi a differenza degli aggettivi, non sono usati in forma corta. A volte per rafforzare i pronomi si usano gli avverbi : ccà, loch, llà.
Codesta è tua, non quella = késsa lòch è a tója, no kélla llà
- INDEFINITI
Più usati sono: cakkdune, cakkeccòse, nisciune, mancune, …..

I VERBI

• I verbi all’infinito di prima e terza coniugazione terminano con vocale accentata:
Infornare = n’furnà; Zappare = zappà; Ascoltare = askutà
Salire = saglì; Coprire = kuprì; Bollire = wuglì

I verbi di seconda coniugazione all’infinito perdono la desinenza ERE:
Ridere = Rid; Vendere = Venn; Chiudere = Kiud;

• Il tempo futuro è assente perché nel dialetto tendiamo sempre ad usare il presente oppure il verbo “dovere” seguito dall’infinito.
Io domani andrò a Napoli = Dimanë vavë a Napuglië (volontà)
Dimanë aggjà jì a Napuglië (dovere)
Dimanë avéssä jì a Napuglië (possibilità)

• I verbi intransitivi composti vogliono l’ausiliare avere.

Io sono cresciuto = i_aggjà crisciutë
Io sono andato = i_aggià_jutë
Io sono caduto = i_aggià_kadut

• Il verbo tèn (tenere) nei tempi semplici può essere usato al posto del verbo avé (avere): jì tèngh a frèvë.

• Il condizionale come tempo verbale è assente, il suo significato è reso con l’indicativo o il congiuntivo passato.
• Alcuni verbi transitivi sono seguiti dalla preposizione “a” e diventano, in dialetto , intransitivi:
chiamo Lucia = chiamë a Gliucië
beato te = vijatë a tté
povero me = pòvërë a mmé
salutami tua zia = salutam a zita

• L’azione progressiva continuata si può rendere col verbo essere (stare) più il gerundio:
Dove vai? = Addò sctajë jènn?
Andrea adesso mangia = Ndréjë mó sctà mangènn
Vado a Cusano = Sctóngh jènn a Cusænë
Lavora a Civitella = Sctà fatichènn a Ciuwtéll

• Il gerundio dei verbi si ottiene aggiungendo la desinenza “enn” alla radice del verbo di prima, seconda e di terza coniugazione:
saltare = zumpà saltando = ƶumpènn
vivere = campà vivendo = campènn
mangiare = mangià mangiando = mangènn
ballare = ballà ballando = ballènn
credere = créd credendo = crëdènn

• I verbi impersonali (quelli cioè che si usano solo nella terza persona singolare)
chiòve (piovere), ciuccà (nevicare) e lampià (lampeggiare), si coniugano così:
chiòwë (indicativo presente), chiuwéjë/chiuwètt (indicativo passato), chiuwéss (congiuntivo imperfetto);
ciòccä (indicativo presente), ciuccàvë (indicativo imperfetto), ciuccàss (congiuntivo imperfetto);
lampéjë (indicativo presente), lampijàvë (indicativo imperfetto), lampijàss (congiuntivo imperfetto).

CONIUGAZIONE DEI VERBI
VERBO AVERE
MODO INDICATIVO

PRESENTE
Io ho I tenghë I aggja
Tu hai Tu ténë Tu ajë
Egli ha Iss tènë Iss a
Noi abbiamo Nujë tënémë Nujë amma
Voi avete Vujë tënétë Vujë avétë
Essi hanno Iss ténghënë Iss ann

PASSATO PROSSIMO
Io ho avuto Jì aggia awutë
Tu hai avuto Tu a awutë
Egli ha avuto Iss a awutë
Noi abbiamo avuto Nujë amm’awutë
Voi avete avuto Vujë avétë awutë
Essi hanno avuto Iss ann’awutë
IMPERFETTO E PASSATO REMOTO
Io avevo Jì tënéjë Jì avèjë
Tu avevi Tu tënivë Tu avivë
Egli aveva Iss tënéjë Iss avéjë
Noi avevamo Nujë tënavamë Nujë avavamë
Voi avevate Vujë tënavatë Vujë avavatë
Essi avevano Iss ténévanë Iss avévanë
TRAPASSATO PROSSIMO E REMOTO
Io avevo avuto Jì avejä awutë
Io avevo avuto Tu avivë awutë
Tu avevi avuto Iss avéjë awutë
Noi avevamo avuto Nujë avavamë awutë
Voi avevate avuto Vujë avavatë awutë
Essi avevano avuto Iss avévanë awutë
MODO CONGIUNTIVO IMPERFETTO
Che io avessi Si jì avéss
Che tu avessi Si tu aviss
Che egli avesse Si jss avéss
Che noi avessimo Si nujë avëssémë
Che voi aveste Si vujë avëssétë
Che essi avessero Si jss avéssënë
TRAPASSATO DEL CONGIUNTIVO
Che io avessi avuto Si jì avéss awutë
Che tu avessi avuto Si tu aviss awutë
Che egli avesse avuto Si jss avéss awutë
Che noi avessimo avuto Si nujë avëssémë awutë awutë
Che voi aveste avuto Si vujë avëssétë awutë
Che essi avessero avuto Si jss avéssënë awutë
INFINITO PRESENTE
AVERE - Avé INFINITO PASSATO
Avere avuto - Avé awutë
PARTICIPIO PASSSATO
Avuto - Awutë
GERUNDIO PRESENTE
Avendo – Avènn GERUNDIO PASSATO
Avendo avuto – Avènn awutë
VERBO ESSERE
MODO INDICATIVO
Presente
Io sono Jì sóngh
Tu sei Tu sì
Egli è Iss jè
Noi siamo Nujë sémë
Voi siete Vujë sétë
Essi hanno Iss só (su)
Passato prossimo
Io sono stato Jì aggia statë
Tu sei stato Tu a statë
Egli è stato Iss a statë
Noi siamo stati Nujë amma statë
Voi siete stati Vujë avétë statë
Essi sono stati Iss ann statë
IMPERFETTO
Io ero Jì jèrë
Tu eri Tu sivë
Egli era Iss jérë
Noi eravamo Nujë savamë
Voi eravate Vujë savatë
Essi erano Iss jérënë
TRAPASSATO
Io ero stato Jì avéja statë
Tu eri stato Tu avivë state
Egli era stato Iss avéja statë
Noi eravamo stati Nujë avavamë statë
Voi eravate stati Vujë avavatë statë
Essi erano stati Iss avévënë state
MODO CONGIUNTIVO
IMPERFETTO
Che io fossi Si jì fuss
Che tu fossi Si tu fuss
Che egli fosse Si iss fuss
Che noi fossimo Si nujë fussémë
Che voi foste Si vujë fussétë
Che loro fossero Si iss fussërë
TRAPASSATO
Che io fossi stato Si jì avéss statë
Che tu fossi stato Si tu aviss statë
Che egli fosse stato Si iss avéss statë
Che noi fossimo stati Si nujë avëssémë statë
Che voi foste stati Si vujë avëssétë statë
Che essi fossero stati Si iss avéssënë statë
MODO INFINITO
PRESENTE
Essere = Jèsse PASSATO
Essere stato = Jésse statë

GERUNDIO
Presente
Essendo = éssènd (siccome che) Passato
Essendo stato = -
PARTICIPIO
PRESENTE

Essente = - PASSATO
STATO = Statë
I Coniugazione : ZAPPA’
II Coniugazione: VENN
III Coniugazione : SAGLI’
ZAPPARE
MODO INDICATIVO
PRESENTE

Io zappo Jì zapp
Tu zappi Tu zapp
Egli zappa Iss zapp
Noi zappiamo Nujë zappamë
voi zappate Vujë zappatë
essi zappano Iss zappënë
PASSATO PROSSIMO
Io ho zappato jì aggia zappatë
Tu hai zappato tu a zappatë
Egli ha zappato iss a zappatë
Noi abbiamo zappato nujë amma zappatë
Voi avete zappato vujë avetë zappatë
Essi hanno zappato iss ann zappatë
IMPERFETTO E PASSATO REMOTO
Io zappavo Jì zappavë (zappajë)
Tu zappavi Tu zappavë (zappast )
Egli zappava Iss zappavë
Noi zappavamo Nujë zappavamë (zappèmm)
Voi zappavate Vujë zappavatë (zappèst)
Essi zappavano Iss zappavënë (zappérnë)

TRAPASSATO PROSSIMO E REMOTO
Io avevo zappato Jì avéjä zappatë
Tu avevi Tu avivë zappatë
Egli aveva Iss avéjä zappatë
Noi avevamo Nujë avavam zappatë
Voi avevate Vujë avavatë zappatë
Essi avevano Iss avévan zappatë
MODO CONGIUNTIVO IMPERFETTO
Che io zappassi Si jì zappass
Che tu zappassi Si tu zappass
Che egli zappasse Si iss zappass
Che noi zappassimo Si nujë zappassém
Che voi zappaste Si vujë zappassétë
Che essi zappassero Si iss zappassënë

TRAPASSATO DEL CONGIUNTIVO
Che io avessi zappato Si jì_avessë zappatë
Che tu avessi Si tu avissë
Che egli avesse Si iss avéssë
Che noi avessimo Si nujë avissëmë
Che voi aveste Si vujë avëssétë
Che essi avessero si iss avissënë Si iss avissënë
INFINITO PRESENTE
Zappare- Zappà INFINITO PASSATO
Avere zappato = -
PARTICIPIO PRESENTE
Zappante = - PARTICIPIO PASSSATO
Zappato- Zappatë
GERUNDIO PRESENTE
Zappando- Zappènn GERUNDIO PASSATO
Avendo zappato = -
VENDERE
MODO INDICATIVO
PRESENTE
Io vendo Jì vénn
Tu vendi Tu vinn
Egli vende Iss vénn
Noi vendiamo Nujë vënnémë
voi vendete Vujë vënnétë
essi vendono Iss vinnënë
PASSATO PROSSIMO
Io ho venduto Jì aggia vënnutë
Tu hai venduto Tu a vënnutë
Egli ha venduto Iss a vënnutë
Noi abbiamo venduto Nujë amma vënnutë
Voi avete venduto Vujë avétë vënnutë
Essi hanno venduto Iss ann vënnutë

IMPERFETTO E PASSATO REMOTO
Io vendevo Jì vënnéjë (vënnétt)
Tu vendevi Tu vënnivë (vennist )
Egli vendeva Iss vennéjë (vënnètt)
Noi vendevamo Nujë vënnavamë ( vennermë)
Voi vendevate Vujë vënnavavatë (vennèst)
Essi vendevano Iss vënnevënë (vennernë)

TRAPASSATO PROSSIMO E REMOTO
Io avevo venduto Jì avejä vënnutë
Tu avevi venduto Tu avivë vënnutë
Egli aveva venduto Iss avéjä vënnutë
Noi avevamo venduto Nujë avam vënnutë
Voi avevate venduto Vujë avatë vënnutë
Essi avevano venduto Iss avévan vënnutë

MODO CONGIUNTIVO IMPERFETTO
Che io vendessi Si jì vënnéss
Che tu vendessi Si tu vënniss
Che egli vendesse Si iss vënnéss
Che noi vendessimo Si nujë vënnassémë
Che voi vendeste Si vujë vënnassétë
Che essi vendessero Si iss vënnéssërë
TRAPASSATO DEL CONGIUNTIVO
Che io avessi venduto Si jì avéss vënnutë
Che tu avessi venduto Si tu aviss vënnutë
Che egli avesse venduto Si iss avéss vënnutë
Che noi avessimo venduto Si nujë avéssëmë vënnutë
Che voi aveste venduto Si vujë avëssétë vënnutë
Che essi avessero venduto Si iss avéssënë vënnutë
SALIRE
MODO INDICATIVO
PRESENTE
Io salgo Jì saglië
Tu sali Tu saglië
Egli sale Iss saglië
Noi saliamo Nujë saglimë
Voi salite Vujë saglitë
Essi salgono Iss sagliënë
PASSATO PROSSIMO
Io sono salito Jì aggia sagliutë
Tu sei salito Tu a sagliutë
Egli è salito Iss a sagliutë
Noi siamo saliti Nujë amma sagliutë
Voi siete saliti Vujë avetë sagliutë
Essi sono saliti Iss ann sagliutë

IMPERFETTO E PASSATO REMOTO
Io salivo Jì saglijë (sagliett)
Tu salivi Tu saglivë (saglist )
Egli saliva Iss saglijë (sagliètt)
Noi salivamo Nujë sagliavamë (sagliémm)
Voi salivate Vujë sagliavatë (saglièst)
Essi salivano Iss saglivënë (sagliérnë)

TRAPASSATO PROSSIMO E REMOTO
Io ero salito Jì avejä sagliutë
Tu eri salito Tu avivë sagliutë
Egli era salito Iss avejä sagliutë
Noi eravamo saliti Nujë avavam sagliutë
Voi eravate saliti Vujë avatë sagliutë
Essi erano saliti Iss avevan sagliutë

MODO CONGIUNTIVO IMPERFETTO
Che io salissi Si jì saggliéss
Che tu salissi Si tu_saggliss
Che egli salisse Si iss_saggliéss
Che noi salissimo Si nujë_sagliassémë
Che voi saliste Si vujë_sagliassétë
Che essi salissero Si iss sagliéssënë

TRAPASSATO DEL CONGIUNTIVO
Che io fossi salito Si jì_avéss sagliutë
Che tu fossi salito Si tu_aviss sagliutë
Che egli fosse salito Si iss_avéss sagliutë
Che noi fossimo saliti Si nujë_avëssémë sagliutë
Che voi foste saliti Si vujë_avëssétë sagliutë
Che essi fossero saliti Si iss_avéssënë sagliutë
INFINITO PRESENTE

Salire = Saglì INFINITO PASSATO
Essere salito = -
PARTICIPIO PRESENTE
Salente = - PARTICIPIO PASSATO
Salito = Sagliutë
GERUNDIO PRESENTE
Salendo = Sagliènn GERUNDIO PASSATO
Essendo salito= -
AVVERBI
Gli avverbi utilizzati sono :
-di LUOGO:
addò (dove); abbasc (di sotto); addrèt (dietro); ‘nnanz (davanti);
ccà (qui, qua); lòch (là); ngòpp (sopra); sótt (sotto).
- di TEMPO:
ajjérë (ieri); awwann (Quest’anno), ammufagliann (Un anno fa);
subbt (Subito), crajë (Domani); spiss (Spesso).
-di MODO :
chian (Piano); accussì (Così); accuglì (Colì); nzègn (Insieme);
-di QUANTITA’:
assajë (Molto); cchiù (Di più), chiuppóch (Di meno), chiuassaje (Molto di più),
- di OPINIONE : (affermazione, negazione, dubbio):
nònë (No); sinë (Si), pë ccasë (Per caso), cèrt wòtë (A volte);
l’avverbio di negazione NÒNE (NON )
-davanti ai pronomi personali, alla terza persona del verbo essere e avere presente indicativo diventa nn’:
non lo tengo = nn’i tènghë; non la sento = nn’a sènt; non le prendo=nn’ò piglië;
non è buona=nn’è bbònë; non ho paura=nn’aggë paurä;
- davanti alle parole che cominciano per “C” e “G” la negazione nën addolcisce la “C” in “G”:
non ci devi andare = ngià jì; non ci deve andare = ngiadda jì;
non ci dobbiamo andare = ngiàmma jì; non ci dovete andare = ngiàvéta jì;
non glielo devi dire = ncë l’à dicë;
LOCUZIONI AVVERBIALI
Spiss spiss (Spesso spesso), a viacòpp (Dal lato di sopra), a viasótt (Dal lato di sotto),
cuncë cuncë (Piano piano), nzègna nzègna (Insieme), parapatt e pace (Pari, d’accordo e in pace),
a ndrasatt (All’improvviso), gl’ann che bbène (L’anno prossimo),
a smèrz (A rovescio), cchiùccà (Più vicino), cchiùllà (Più lontano),
a chélla vija (Da quella parte), a chésta vija (Da questa parte), capëcurë (Al contrario),
óchéllëcòpasótt e óchéllësóttancòpp (Sottosopra); óchéllënanzërètë (Sottosopra, al contrario),
capammónt (In salita), capabbascë (In discesa)
CONGIUNZIONE
Nel dialetto cusanese e civitellese le congiunzioni sono pressoché le stesse dell’italiano:
e, o, ma, però, purë (pure, anche); mank (neanche, nemmeno);
pëcché (perché, poiché, giacché), ca (che); quann (quando);pëcchéss (perciò).
LOCUZIONI CONGIUNTIVE
Tutt ó wòtë ca (tutte le volte che…), finë a quann (fino a quando),
a fòrë ca(tranne che), mangh pë sónn (neanche per sogno),
mangh si (neanche se), purë si (anche se),
p’ì fuatt ca(per il fatto che) , cumë si (come se),
abbast ca (purché), suglië si( solo se),