CATARINA A BÈLLA [ kata’rina a ‘bεlla ] LA CONVERSIONE DELLA BELLA CATERINA
     
A Roma c’èra nu rikk tésòrë, [ a ‘roma ‘ʧɛra nu ‘rikk te’sͻrә /  A Roma c’era un gran tesoro,
la bèlla Catarina era chiamata. la ‘bεlla kata’rina ɛra kja’mata //  la bella Caterina era chiamata.
Ciaveva ricchezze assai, argent e oro. ʧia’veva rik’ketts as’saj / ar’ʤɛnt e ͻrͻ //  Era molto ricca, possedeva argento e oro.
Un giorno era San Domenico, e sia lodato, un ‘ʤjͻrnͻ ɛra san do’menikͻ / e 'sia lo’datͻ /  Un giorno San Domenico, che egli sia lodato,
un altro giorno era il nome di Maria un ‘altrͻ ‘ʤjͻrnͻ ɛra il ‘nͻmɛ di ‘maria  (regalò a Caterina) il rosario
cu nu rosario Vergine e beata ku nu ro’sarjͻ ‘verʤine e be’ata  della beata Vergine Maria.
e dice: “ San Domenico ci voglio andare e ‘diʧe / ‘san do’menikͻ ʧi ‘vͻʎʎͻ an’dare  Caterina pregava con il rosario in mano, ma disse: 
comë a chi fusse la mia questa giornata”. ‘komә a ki ‘fuss la 'mia ‘kuesta ʤjor’nata //  “San Domenico voglio andare in chiesa come se fosse la mia festa”.
E quannë Catarina in chiesa andava e ‘kuann kata’rina in ‘kjesa an’dava  Quando Caterina in chiesa andava
acqua santa non se ne pigliava, ‘akkwa ‘santa non se ne pi’ʎava /   non si segnava con l’acqua santa,
non riverija né a Cristo né a Maria, non ri’verija ‘ne a ‘kriʃtͻ ‘ne a ma’ria /  non riveriva Cristo né Maria,
sempre a lu cavaliere risguardava. ‘sɛmpre a lu kava’ljere riʃguar’dava //  ma guardava sempre un giovane cavaliere.
Lu cavaliere, ca nun sapeva niènt, lu kava’ljere / ka nun sa’peva ‘njɛnt /  Il cavaliere, ignaro,
faceva l’orazione e se ne andava fa’ʧeva lora’tsjone e se ne an’dava  recitava una preghiera e se ne andava
e Catarina a piangere rësctavë. e kata’rina a ‘pjanʤere rə’ʃtavә //  e Caterina restava a piangere.
Si vota lu confessore ca cunfessava  si ‘vͻta lu kuɱfes’sore ka kuɱfes’sava  Si girò il confessore (San Domenico),
e vide Catarina ca piangeva: e ‘vide kata’rina ka pjan’ʤeva /  vide Caterina che piangeva, e disse:
“Scrivëte e fatti serva di Maria”. ‘ʃkrivәte e ‘fatti ‘sɛrva di ma’ria //  “Entra in un ordine religioso e fatti serva di Maria”
“Vui mi ci scrivite e ijë me ne scordo, vui mi ʧi ʃkri’vite e ijә me ne ‘ʃkͻrdͻ / “Se mi ci iscrivete, io lo ignorerò,
vui mi ci scrivitë e io non faccio l’obbligo: vui mi ʧi ʃkri’vitə e iͻ non fat’ʧiͻ ‘lͻbbligͻ /  se mi iscriverete  non seguirò la regola dell’ordine:
so venticinque anni in peccatë mortalë, ‘so venti’ʧinkue ‘anni in pek’katә mor’talә /  vivo da 25 anni in peccato mortale,
so trèntacinque në m’aggë cunfessatë”. ‘so trɛnta’ʧinkue nә ‘madʤә kuɱfes’satә //  da 35 anni non mi confesso”.
Se vota lu confessorë verso Dio: se ‘vͻta lu koɱfes’sorә ‘vɛrsͻ ‘diͻ /  Il confessore guardò in alto (verso Dio).
“Quà c’è na gribbila peccatricë, ‘kua ‘ʧε na grib’bila pekka’triʧә /  “Qui c’è un’ignobile peccatrice,
cacciatëla dall’inferno e portatelä in paradisë, kat’ʧiatelә dalliɱ’fɛrnͻ e por’tatela in para’disә /  cacciatela dall’inferno e portatela in paradiso,
qua una gribbila di fedë, kua una grib’bila di ‘fedә /  qui c’è una senza fede,
io dikë a casa Cristo non mi crede. jo ‘dikә a ‘kasa ‘kriʃtͻ non mi ‘krede //  io a casa prego Cristo, ma non basta.
Ohi mamma, vacci tu che sei una santa oi ‘mamma / ‘vatʧi tu ke 'sɛi una ‘santa  Madre di Dio, vacci tu che sei una santa
e ce lo mostri stu petto di franto, e ʧe lo ‘moʃtri ‘ʃtu ‘pɛttͻ di ‘frantͻ /  mostragli il tuo cuore infranto,
e ce lo mostri stu core di sasso e ʧe lo ‘mostri ‘ʃtu ‘kore di ‘sassͻ mostragli il suo cuore di pietra
e tu una donna bella ci fai venire”. e tu una ‘dͻnna ‘bɛlla ʧi fai ve’nire //  e in una donna onesta la fai trasformare.
Oi figlia, te lo ‘nzingo n’altro segreto: oi ‘fiʎʎa / te lͻ ‘nʣiηgͻ ‘naltrͻ se’gretͻ /  Figlia, ti do' un consiglio:
e vestete da nu principe cavaliere,   e ‘veʃtete da nu ‘prinʧipe kava’ljere /  vestiti adeguatamente per il principe cavaliere,
vattenn in mezzo a quella piazza a spasseggiare vat’tenn in ‘mɛtttsͻ a ‘kuella ‘pjatstsa a spassed’ʤjare  vai in piazza a passeggiare
che Catarina si vuole innamorare”. ke kata’rina si ‘vuͻle innamo’rare //  perché tu, Caterina, vuoi innamorarti”.
E quanno Catarina in camera andava e ‘kuannͻ kata’rina in ka’mera an’dava  Quando Caterina andò in camera
trovava il letto tutto insanguilentato: tro’vava il ‘lɛttͻ ‘tuttͻ insaηguilen’tatͻ /  trovò il letto insanguinato: 
“Ohimè chi ci è venuto a casa mia”? oi’me ki ʧi ‘ε ve’nutͻ a ‘kasa 'mia / “Chi è venuto a casa mia?
C’è venuto lu vero figlio di Maria: ‘ʧε ve’nuto lu ‘vɛrͻ ‘fiʎʎͻ di ma’ria /  E’ venuto il vero figlio di Maria:
s’è miss a letto cumë a nu crocifisso”. ‘sε ‘miss a ‘lɛttͻ ‘kumә a nu kroʧi’fissͻ //  si è messo sul mio letto come quando era crocifisso”.
Oro e Argento assai che Catarina ciaveva  ͻrͻ e ar’ʤɛntͻ as’sai ke kata’rina ‘ʧaveva  L’oro e l’argento che Caterina possedeva
a poveri e ricchi ce lo dispensava a pͻ’veri e ‘rikki ʧe lo diʃpen’sava  lo dispensò ai poveri e anche ai ricchi
li benedicevënë tutti gli peccati mortali. li benedi’ʧevәnә ‘tutti ʎi pek’kati mor’tali //  e, così, scontò tutti i peccati mortali.
Se la portern in paradiso  a amà Gesù. se la por’tern in para’disͻ a a’ma ʤe’su //  Ottenuto il perdono,  andò in paradiso ad amare Gesù.
Amen. ‘amen // ]  Amen.

 

Di Muzio Marianna