LA CARRELLATA DEI 12 MESI
 
 
Signori e Signori statemi ad ascoltare: sono Volante il re dell’allegria e della buona 
compagnia. Di questi 12 mesi vi voglio raccontare.
Guardate Gennaio quanto è cattivo nella sua imponenza nessuno può penetrare. 
Febbraio è più cattivo ancora, meno male che è corto.
Marzo con la sua zappetta intorno gira.
Aprile incomincia a fiorire.
Maggio raccoglie tutti i fiori e tutti gli armenti fa giubilare.
Giugno va “spert” per mangiare.
Luglio si può ancora rimediare.
Agosto sfogo di malattie e a tutti voi signori fa spaventare.
Settembre fa venire l’allegria.
Ottobre capo vendemmiatore.
Novembre capo seminatore.
Dicembre ultimo dell’anno e ultimo di tutti i mesi, cento malanni a chi male m’ha inteso.
Pulcinella, mio seguace dammi conto di questi 12 mesi e se qualche mese non se la porta “bona” ti faremo provare questo bastone. 
PULCINELLA:
ed io a crepa pancia godo altre sostanze, ho tre sorelle amano me con eccellenza. Primavera con i fiori ed io a letto con amore, estate con sudore ed io consumo. L’autunno benché sia triste mi favorisce del buon vino, poi ce ne andremo al fuoco col vino e con l’arrosto, ne berremmo un bottiglione, giudicheremo l’inverno e mi mangio i maccheroni. 
GENNAIO:
io sono Gennaio, primo dell’anno e primo di tutti i mesi. Faccio “ascerro” con i pecorai e a caccia occhi con gli zappatori. Nessun giorno li farò zappare per castigare i bestemmiatori specialmente chi bestemmia nel mese di gennaio. Iss cu a zappa e i cu i “sciusce” i facc i a ficcà  denti i frusc.
FEBBRAIO:
io son Febbraio, chi febbre mi dice febbre gli venga. Io sono il mese che rinnova l’erba. Po muntagne c ciocca e po chianure ce chiove e pu pennent ce tira nu terribile vento. Ah! Se femmene se vonno divertì cu me febbraio. Ma che dicete, sete pazze! Divertitevi col mio compagno marzo! Che v’aggia fa cu sti 28 juorn. Che se i juorn mie fusser tutt, faciss ielà a vuie e u vin dent o vutt.
PULCINELLA:
e meno male che si curt curt pecchè si i puegg o tutt.
MARZO:
io sono Marzo e con la mia zappetta intorno giro. Mangio pane e porri e fatico da digiuno. Tutti i pecorai questo mese aspettano per gettare cappa e pelliccione. 
PULCINELLA:
marzo marzicchie gl’ainegl mie hanne cacciate nu parme e mez o curnecchie. Si marz nun marzea ven aprile cu male pinsere. Ma si marze o vo fa caccia o veccjie a sulacchià e i porce surinà.
MARZO:
non ve ne figurate della mia fermezza sono nato a mancanza della luna. Cerco quattro giorni al mio amico aprile. Metto la mano nel mio tascone e faccio una gettata di confetti di Salomone. Accussì bò, accussì va, statt bon Carnuà.
APRILE:
io sono Aprile dolce dormire, gli uccelli a cantare e gli alberi a fiorire. Di questi fiori ne faccio un ramaglietto e lo dono a maggio che è un bravo giovinetto.
MAGGIO:
io sono Maggio, re e conte reale. Di rose, gigli e fiori ne porto la corona, che dono a giugno perché è il nostro padrone. Ho girato l’Italia, la Spagna e la Turchia, e non ho potuto trovare un tozzo di pane di Spagna. A Signora donna Teresa ha fatt a scerr cu i gl’astregl, ha fatt a culata ed è sciuta caudata. Na grande spesa m’ha fatt fa: i cuappegl a i ciucc m’ha fatt accattà.
GIUGNO:
io sono Giugno e con la mia serrecchia (falce) mieto il grano quando è piena piena la mia cicerchia. Teng n’ussicegl n’da sta pignatella e mo m’i scarecchia. S’aviss na femmena brutta e secca pure ma scarnichiasse cu sta mia serrecchia. 
LUGLIO:
io sono Luglio e cu glie carr rutt, rutt me gl’agg n’cop la maiesa. Aiutatevi compagni che i temp è assutt se no n’jam ascì manc po spese. Allegri compagni miei: ma si stu carr mie ngarrass tutt, ce vulisser novecento tommell a gliu mese.
AGOSTO:
io sono Agosto, medico gentile, tutte le donne vado a visitare. A chi lo sciroppo e a chi na medicina, a chi faccio il mio serviziale. A ventunora me lo saprete addire, se qualche donna non potrà pisciare venisse alla mia farmacia: brodo di gallina, sciroppo di cantina vedrete che effetto fa la mia medicina.
SETTEMBRE:
io sono Settembre e cu la fica moscia l’uva moscatella se finisce. Se qualche donna patisce di paposcia cu stu pisature e cu sta preta chiatta ce l’aglisce. Allora s’ammaritene tutte ste bajord quann o fiche mije vanne quatte a nu ducat.
OTTOBRE:
io sono Ottobre capo vendemmiatore, la mia cantina è piena di tutto. Porto gioia in tutte le osterie sono il padrone dell’allegria. Mangio castagne calde, sfogliose e ammunnatelle, mangio maccheroni con formaggio e ricotta e tutti questi signori faranno una botta.
NOVEMBRE:
io sono Novembre capo seminatore. Il grano lo so ben seminatore: questo lo semino per me, questo lo semino per gli uccelli e questo per tutte le donne belle. Ma non solo belle, anche brutte! Io sono il mese che le consola tutte.
DICEMBRE:
io sono Dicembre, l’ultimo dell’anno e l’ultimo di tutti i mesi, cento malanni a chi male m’ha inteso. Teng na pignatella cu quatt rise, e chest è a sausicchie di porc che m’agg accise. Me facc na bevuta o vin curdisch cu na bella giovn n’da nu lett frisch.