I PIRON “Il pirone” (grande mortaio)
di Perfetto Marica
   
Dent a chis't  paisegl sott a muntagn In questo paese, sotto una montagna,
vivev nu signor gross gross e ciott ciott viveva un signore grosso grosso e grasso grasso
come a nu canton. come un macigno.
Tutti i cusanar  i chiamavan Pascalin Tutti i Cusanesi  lo chiamavano Pasqualino
pecchè iva a cantina e se mangiav pane e vin. perché andava in cantina e mangiava pane e vino.
Stu pover Crist  volev’ ave’ nu poc o fatica Questo povero signore voleva lavorare,
ma n'i pigliavan pecchè teneva na musciaria. ma non lo assumevano perché era un po’ sfaticato.
Nu jorn da muntagn scarubav  nu canton, Un giorno dalla montagna cadde un macigno
che iett a finì annanz i purton, ed andò a finire davanti al portone,
allor pigliav nu puntigl e nu martellon così il signore prese una mazzetta e uno scalpello
e i dett na forma d'nu piron. e gli diede la forma di un grande mortaio.
Se spannet a voce pe tutt i paes Si sparse la voce in tutto il paese
e tutt quant currern a vedè. e tutti andarono a vedere.
Pascalin deventav famus e ricc Pasqualino è diventato famoso e ricco
com nu sceicc. come uno sceicco.
I sindach purtav i piron n'da piazz central d'i paes Il sindaco portò il “pirone” nella piazza centrale del paese
e ce mettet dent pure nu pisatur! e ci mise dentro pure un pestello.